Mekton
Mekton


Riassunti delle Puntate:
  1. A Path into Darkness
  2. Like the Wind



A Path into Darkness


Anno 1446, la guerra infuria nello spazio aperto fuori dal sistema Minos. Ma su Minos IV essa non viene percepita se non tramite i bollettini imperiali che, boriosamente, continuano a proclamare l'impero come prossimo alla vittoria finale. Per la maggior parte degli abitanti di Angel City, una delle piu' grosse citta' della superficie protetta dal gelo esterno dalla sua cupola di energia, i bollettini e le morti per la guerra sono ormai diventati nient'altro che routine, routine che aiuta a non pensare al crudele destino che aspetta loro tutti.

Anche per i poliziotti della S.C.P. la routine e' quello che impedisce di pensare alla guerra lontana eppure cosi' vicina. La routine che impedisce al capitano Kanai, a capo del nucleo investigativo 28, di pensare ai propri problemi ed ai propri fallimenti. Ma quest'oggi la routine verra' interrotta per un po'. Appena arrivato al distretto, Ayato riceve la notizia che il capitano Kanai e' assente per motivi di salute, per cui il comando del nucleo investigativo 28 per quest'oggi sara' nelle sue mani. A lui tocchera' anche ricevere la nuova recluta Patrick Nomura, proveniente da una delle vaste citta' sotterranee, oggi al suo primo giorno di lavoro, come compagno di Ayato. Una convivenza che, per il taciturno Ayato, si rileva gia' piuttosto difficile, vista l'esuberanza e la smania di protagonismo, oltre alla smodata passioni per le armi, del suo nuovo compagno. Come se non bastasse un nuovo incarico viene affidato al suo nucleo investigativo: pare ci sia stata una fuga di tre detenuti pericolosi dalle celle nella residenza del barone locale, situata fuori dalla cupola. Ad Ayato ed al suo nuovo compagno viene affidato l'incarico di indagare su questa evasione.
Ma ancora non e' sufficente, in quanto Ayato, il maggiore Hanada, superiore del capitano Kanai e l'innocente, in questo caso, Patrick si prendono una bella sgridata perche' la loro sezione negli ultimi tempi ha dovuto sostenere dei proibitivi costi di riparazione degli Enforcer (I mecha a disposizione dei poliziotti della S.C.P) e per un uso eccessivo di proiettili: dove si credono di essere? La S.C.P. non ha soldi da buttare inutilmente!!

Un po' scombussolato da tutti questi avvenimenti Ayato si reca con Patrick alla residenza del barone, dopo un viaggio fuori dalla cupola non del tutto tranquillo. Una volta giunti sul posto la scena che si ritrovano davanti i due ha dell'incredibile. Dalla ricostruzione infatti si viene a capire che la fuga era stata organizzata dall'esterno ed era stata realizzata tramite l'uso nientedimeno che di un mezzo corazzato aracniforme in dotazione dell'esercito.

Tornati alla centrale vengono effettuate le ricerche sui tre evasi, tramite la collaborazione del terzo componente del N.I. 28, il tecnico Arura Yukino. Si scopre che uno dei tre faceva parte di una gang criminale che era stata praticamente distrutta in occasione della sua cattura. A questo scopo la sera stessa Ayato e Patrick si recano in un locale notturno controllato dai superstiti della gang dell'evaso, con l'idea di spacciarsi per giovani criminali intenzionati ad entrare a far parte della banda. Ma in questa occasione si rivela il temperamento esuberante di Patrick: forse troppo immedesimato nella parte del criminale, prende a calci gratuitamente un barbone che aveva l'unica colpa di avergli tagliato la strada. Nel vedere questa reazione esagerata, Ayato tenta di calmare il compagno gridando: "Ma cosa fai? Sei pur sempre un poliziotto!!" mentre ancora si trovavano nel retro del locale malfamato. Ai due non resta che un'avventurosa fuga con le pive nel sacco senza aver cavato un ragno dal buco. Una volta a casa Patrick tenta di recuperare la serata andando in un locale, ma non fa altro che peggiorare le cose, ricordandosi troppo tardi che la sua carta di credito gli era stata ritirata e quella nuova della S.C.P gli verra' consegnata solo il giorno successivo.

Il giorno dopo nuove sorprese attendono Ayato: il nucleo investigativo 28 viene esonerato dall'incarico assegnatogli solo il giorno prima. Un nuovo incarico sostituisce il vecchio: indagare su un furto di informazioni riservate alla "Trade Associated Corp.". Si pensa che qualcuno voglia chiedere un riscatto per non divulgare quelle informazioni.

Dalle indagini condotte si riesce a risalire all'identificazione dell'autista del commando, che viene catturato dopo una colluttazione. L'interrogatorio condotto porta quindi a scoprire il luogo nel quale verra' scambiato l'hard disk rubato.

Giunti sul posto Ayato e Patrick sui loro Enforcer, Arura con il suo veicolo di appoggio, ed altri cinque Enforcer chiesti come rinforzi, si trovano davanti ad una scena apocalittica. I veicoli dei criminali erano infatti stati attaccati ed erano stati tutti uccisi, ma sul luogo si trovavano anche gli Enforcer del maggiore Hito, a cui era stato assegnato l'incarico da cui era stato sollevato il nucleo investigativo 28.
Infatti tra i cadaveri dei criminali erano presenti due dei tre evasi dalla residenza del barone, ma il maggiore Hito non era responsabile della strage. Dopo poco il gruppo viene attaccato dal Punisher HX-21, il mezzo blindato aracniforme usato nell'evasione, che era stato nascosto preventivamente dai fuggitivi e utilizzato da uno di questi.
Dopo un duro scontro nel quale perdono la vita sei poliziotti, il criminale viene arrestato, ma dal suo interrogatorio non si riesce a ricavare niente sull'hard disk rubato che quindi risulta ancora non recuperato.
Quella sera Ayato torna a casa immerso nei pensieri, tentando vanamente di riuscire a capire quale collegamento possa esistere tra la fuga dei criminali e il furto alla "Trade Associated Corp.". Un sonno agitato accompagna il nostro eroe lungo tutta la notte.
Torna all'indice



Like the Wind


Un nuovo giorno sorge su Angel City, ma non per tutti forse e' un giorno sereno. Non lo e' ad esempio per Ayato che, dopo una notte insonne senza aver cavato un ragno dal buco, sta quasi per finire addormentato sull'autobus quando una voce imperiosa lo sveglia: "Su su ragazzo, la giornata e' ancora lunga!!"
Ayato si gira ancora insonnato balbettando un: "Ah capitano.... ma e' lei... ehmm... io... ma si e' ripreso dalla malattia?"
"Come puoi ben vedere si, grazie. Ma dimmi piuttosto... ho ricevuto per posta i rapporti sulla operazione svolta in mia assenza, ma vorrei sentire dalla tua viva voce come sono andati esattamente i fatti".
E cosi' durante il resto del tragitto Ayato racconta per filo e per segno tutto quello che era accaduto nei giorni precedenti, inserendo anche qua e la` qualche commento personale che fa un po' sorridere il capitano. I due arrivano quindi insieme in ufficio, dove Ayato trova Patrick gia' al suo posto che lo guarda con un sogghigno mentre indica la sua scrivania con tutte le pratiche gia' evase. Con uno sguardo disperato invece, e con una nota di biasimo del capitano Kanai, Ayato nota che la sua scrivania trabocca letteralmente di pratiche inevase.... con un sospiro quindi si mette al lavoro, guardando crudemente il suo compagno che, i piedi sul tavolo e gli immancabili occhiali scuri, si sta gondendo il relax totale. Un dubbio si insinua nella sua testa: "Ma come avra' fatto se e' appena arrivato....... vuoi vedere che........" ma la voce del capitano che lo esorta lo fa tornare al duro lavoro.

La prima mattinata scorre in tranquillita', fino a quando la caposezione tecnica Liza Tirelli arriva ad avvertire che il loro gruppo era stato scelto su invito diretto del maggiore Hito (ora il loro nuovo capo essendo stato sostituito il maggiore Hanada) per sperimentare i nuovi Enforcer-B, appena prodotti. Le informazioni a riguardo erano piuttosto lacunose, e la stessa Liza non ne sapeva molto, ma non avrebbe mancato di informarli dei dettagli tecnici, infatti nel pomeriggio era previsto un seminario informativo per soli tecnici proprio su quest'argomento tenuto dall'illustre professor Ishikawa.

Non molto dopo strane notizie giungono al capitano Kanai, che si vede arrivare una telefonata da una trafelata Tessy che lo invita ad incontrarla in un locale della zona ovest, il Violet Arrow, quella sera stessa. Il ritorno di una persona cara che Kanai aveva quasi ormai dimenticato aprono nuovi pensieri ed interrogativi nella mente dello sfortunato capitano.

Quella stessa sera l'incontro tra Kanai e la sua vecchia fiamma e' carico di tensione, ma si vede che cio' e' dovuto piuttosto al nervosismo di Tessy per una faccenda scottante che all'incontro di due persone con cosi' tanti fatti personali di cui discutere.
"Da un bel po' di tempo ormai dirigo una societa' di cacciatori di taglie - dice Tessy sorprendendo il capitano - Non te lo aspettavi? Beh le cose sono cambiate molto da allora... Ma bando alle ciance, come ti dicevo pochi giorni fa un tale che diceva di essere Akira Kamaguchi, alto funzionario della Trade Associated, si presenta da noi per un incarico. Pare che alcuni criminali abbiano rubato un data disk con informazioni riservate ed abbiano chiesto un elevato riscatto. Questi criminali pero', avevano preso di mira, stando a quel che mi ha detto il tipo, la loro organizzazione costituendo per essa un serio pericolo. Per eliminare tale pericolo avevano escogitato un piano: il furto del data disk era previsto, cosi' come la successiva richiesta di riscatto. Ma all'appuntamento per lo scambio, invece dei membri dell'organizzazione, ci saremmo dovuti essere noi. Il nostro compito era quello di eliminare tutti i criminali oltre quello di recuperare il data disk."
Tessy fa una breve pausa finendo il suo bicchiere, la mano le trema leggermente, poi riprende: "Questa faccenda mi e' sembrata strana dall'inizio, l'uomo con la cicatrice che si era spacciato per membro della Trade Associated non mi sembrava proprio un tecnico. Ho fatto le mie indagini, ed ho scoperto che Akira Kamaguchi e' si' dipendente della compagnia, ma e' tuttora in ospedale per un grave incidente subito durante una non specificata missione. Non fidandomi di quel che diceva l'uomo, ho fatto una copia del data disk e la conservo a casa mia, se dovesse succedermi qualcosa domani durante la riconsegna del disco ti prego, prendilo tu e continua le indagini al posto mio. Ora devo scappare". Detto questo si alza, saluta il capitano con un lieve bacio e se ne va di corsa.

Il primo impulso di Takeshi e' quello di correre dietro al suo vecchio amore gridando: "Non andare da nessuna parte! Ti proteggo io!" Ma il destino proprio non ne vuole sapere: in quello stesso istante il cercapersone del capitano comincia a trillare con il segnale di massima emergenza. Il richiamo del dovere porta Takeshi in centrale, dove viene informato che e' in atto una guerra tra bande: una delle due fazioni ha assaltato un deposito di materiale bellico e minaccia di far saltare mezza citta' insieme alla fazione avversa.
Un Chopper di pattuglia porta il capitano alla centrale, dove lo attende un areo di appoggio che paracadutera' i nuovissimi Enforcer-B in dotazione al suo gruppo direttamente in mezzo allo scontro.
Dopo un breve viaggio, in prossimita' della meta il velivolo d'appoggio viene colpito da alcuni missili di contrarea ed e' costretto a scaricare in condizioni precarie il capitano e la sua squadra. Ayato e Patrick si ritrovano nel bel mezzo della battaglia, coperti dal veicolo di appoggio e difesa elettronica comandato da Arura, ma il capitano, colpito da un missile a ricerca sparato dal Mecha di cui si erano impossessati i malviventi, e' costretto ad un atterraggio di fortuna sul tetto di uno dei palazzi vicini. Il Mecha avversario e' uno solo, ma e' uno dei modelli da combattimento dell'esercito e da solo sbaraglia meta' delle forze di polizia, ma e' infine Ayato, con un colpo da maestro, che centra in pieno la centralina energetica del Mecha causandone un drammatico arresto.

Dopo l'arresto della banda e' il maggiore Hito ad accollarsi il merito del successo dell'operazione, nonostante le truppe sotto il suo diretto comando fossero state annientate. Questo manda Ayato e i suoi in uno stato di incandescenza, ma anche di impotenza di fronte al potere del superiore.

Ma il tempo ad Angel City scorre inesorabile, ed e' gia' l'indomani. Ed e' gia' il giorno in cui Tessy deve incontrarsi con il suo contatto per lo scambio del data disk. Takeshi non e' riuscito a pensare ad altro per tutto il tempo e, nonostante le raccomandazioni della stessa Tessy a restarne fuori il piu' possibile, il capitano Kanai si trova li' al momento dello scambio, ad osservare da lontano la scena. Ad ossrvare che qualcosa va storto: subito dopo la consegna del disco, l'uomo che accompagnava quello con la cicatrice estrae una pistola e spara a Tessy, ferendola. I due poi si allontano in fretta.
Takeshi, disperato, chiama i soccorsi e corre vicino all'amata, che ha perso molto sangue ma e' ancora cosciente. Qui, in punto di morte, Tessy chiede scusa al capitano per averlo rifiutato tanto tempo prima, ma lei aveva una vendetta da portare a termine: suo padre era stato assassinato dalla polizia segreta, accusato di essere in combutta con i pirati che avevano ricominciato ad assaltare cargo e stazioni imperiali. Tessy voleva dimostrare l'innocenza di suo padre, ma questo avrebbe vouto dire mettersi contro la polizia segreta, contro l'impero stesso... era troppo pericoloso per coinvolgere qualcuno a cui si voleva bene.
Tessy muore durante il trasporto dell'ospedale. Ma Takeshi raccoglie sulla scena del crimine un tesserino con il distintivo dell'I.S.P. A questo punto non rimane altro, pensa il capitano Kanai, che andare fino in fondo a questa storia.

Torna all'indice


ATTENZIONE! Per visualizzare correttamente questa pagina hai bisogno di un particolare tipo di carattere di nome BlackChancery. Se tu non lo avessi esso disponibile nella pagina dei download. Una volta scaricato dovrai unzipparlo nella directory windows/Fonts del tuo computer.


Torna alla sezione
mondi paralleli
Torna alla pagina principale
della sezione di Mekton